Archivio mensile Febbraio 27, 2020

Coronavirus: le proposte di Fdi per fronteggiare l’emergenza

Coronavirus: ecco le proposte di Fratelli d’Italia per far fronte all’emergenza. Lavoriamo uniti per il bene della Nazione!

Insieme alla Meloni a Basovizza per celebrare le vittime delle Foibe

Grazie al Presidente della Repubblica Mattarella per le parole pronunciate alla vigilia del Giorno del Ricordo dei martiri delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata, con le quali ha ricordato che “il vero avversario da battere sono l’indifferenza, il disinteresse e la noncuranza’.

Particolarmente importante la ferma condanna di quelle “sacche di deprecabile negazionismo” che resistono in Italia.

E’ necessario ricordare, contro ogni forma di assurda negazione, la tragedia di un popolo costretto ad immani atrocità, tra cui quella di fuggire dalla propria terra,

Nel corteo di oggi a Viterbo, organizzato dal Comitato 10 febbraio abbiamo reso omaggio alle vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano dalmata, perché la memoria serva a non ripetere questi orrori.

Domani, invece, mi recherò per la prima volta a Basovizza,  per rendere omaggio ai nostri connazionali uccisi dal terribile disegno di pulizia etnica del maresciallo Tito.

Insieme a Giorgia Meloni, parteciperemo alla cerimonia solenne organizzata nel Giorno del Ricordo delle foibe rinnovando  il nostro legame con la comunità italiana ancora presente nelle terre dell’Adriatico orientale.

“Aves e scuola marescialli, due gioielli da valorizzare”

“Una delegazione di Fratelli d’Italia composta dai deputati commissione Difesa Salvatore Deidda, Davide Galantino e al padrone di casa Mauro Rotelli commissione Trasporti ha fatto tappa a Viterbo, in visita a due delle nostre eccellenze italiane: la Scuola marescialli dell’aeronautica militare e il comando aviazione dell’esercito (Aves). La loro professionalità è ammirata da tutto il mondo e, non a caso, i loro corsi sono frequentati e richiesti da ogni nazione”, è quanto dichiarano in una nota il capogruppo della IV commissione Difesa Salvatore Deidda con i colleghi Davide Galantino e Mauro Rotelli. 
“In mattinata, la nostra attenzione è stata completamente rivolta alla Scuola marescialli dell’aeronautica militare. Accolti dal colonnello Moroni, il quale ci tengo nuovamente a ringraziare per l’ospitalità e per l’ottimo lavoro svolto insieme a tutti i suoi collaboratori, dopo un piccolo briefing di presentazione abbiamo avuto modo di visitare le varie strutture e dedurre il potenziale riservato agli impianti sportivi. Interessante – proseguono i deputati di FFdI – la presenza di un asilo nido, di circa 40 posti, da destinare all’uso civile. Ho avuto modo di ribadire al colonnello Moroni quale sia principalmente lo scopo delle mie visite che mi vedono coinvolto in tutta Italia, ossia quello di conoscere, studiare e raccogliere più informazioni per poter poi trarre le giuste osservazioni da riportare sui nostri tavoli di competenza sia in commissione Difesa sia in commissione Trasporti”.
 
“L’aeronautica è un pilastro della storia con eroi che hanno sacrificato la vita per la nostra patria – affermano i deputati – questa scuola ha il gravoso compito di far crescere generazioni di uomini e donne che raccolgono questo testimone. Oggi è una eccellenza delle forze armate”. 
“Dopo un veloce pranzo, insieme agli allievi della scuola, nonché i nostri futuri marescialli, eccoci al comando aviazione dell’esercito (Aves): un reparto d’élite del nostro esercito italiano. Accolti del generale Riccò, il quale ringrazio perché insieme ai suoi uomini e donne ci rende veramente orgogliosi, abbiamo avuto modo di verificare l’incredibile preparazione che viene fornita, dall’intervento di primo soccorso medico alle simulazioni di voli. Impegnati in Afghanistan, Iraq e Libano, questi uomini vengono presi come esempio da tutto il mondo, proprio perché la loro preparazione non ha eguali”. 
 “In conclusione, l’Aves così come la scuola marescialli dell’aeronautica sono due gioielli da valorizzare, tutelare e far crescere; un patrimonio non soltanto per Viterbo e la Tuscia ma per tutta la nazione”.

WhatsApp chat