Category Archive Economia

Sbloccare l’avanzo di amministrazione dei Comuni

Il Governo sblocchi l’avanzo di amministrazione dei Comuni e premi le buone pratiche per mettere in moto crescita, investimenti e sviluppo.

Guarda il mio intervento alla Camera.

Il Reddito di Cittadinanza è assistenzialismo ?

REDDITO CITTADINANZA:

780 EURO AL MESE PER NON FARE NULLA E’ ASSISTENZIALISMO

“Per quale motivo un ragazzo dovrebbe aprire una partita IVA con il regime dei minimi se ha come contraltare il reddito di cittadinanza con un assegno di 780 euro al mese senza dover fare nulla?

Ricordo al ministro che lavorare solo 8 ore a settimana vuol dire comunque stare sul divano e non fare niente.

E per noi questo è assistenzialismo puro.

Il futuro dell’Italia non è il reddito di cittadinanza ma il lavoro”.

La mia replica durante il Question Time al ministro del Lavoro Luigi Di Maio 

#OpenCamera

Ho votato contro un DEF che soddisfa le aspettative

Abbiamo votato contro il DEF (Documento di programmazione Economica Finanziaria) perché non abbiamo trovato la valutazione del Quantitative Easing che cesserà a dicembre, non abbiamo trovato le previsioni dell’aumento del costo del petrolio, manca la previsione, dello scontro USA vs Cina, manca totalmente l’impatto di politiche da cui noi da troppo tempo siamo fuori, soprattutto energetiche.

Per motivi indipendenti dalla volontà della maggioranza ci siamo trovati a discutere di un DEF che in modo surreale “non esiste”, preparato dal Governo Gentiloni che usciva e su cui il Governo Conte entrante non ha avuto voglia di dire nulla

#OpenCamera

In foto la replica di Guido Crosetto per Fratelli d’Italia

Ps. chi desidera il testo della risoluzione presentata in aula da FDI può inviare un messaggio :

[contact-form to=’info@maurorotelli.it’ subject=’www.maurorotelli.it – DEF’][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Nome’ type=’name’/][contact-field label=’Cell’ type=’text’/][contact-field label=’Commento’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]

L’inaugurazione del nuovo terminal Amerigo Vespucci

L’inaugurazione del nuovo terminal Amerigo Vespucci straordinario volano per il turismoIl più grande terminal crociere d’Europa è a Civitavecchia.

Il terminal Amerigo Vespucci rappresenta un vanto per il nostro territorio, e per la sua realizzazione sono stati investiti circa 20 milioni di euro, totalmente coperti da fondi stanziati da Msc, Royal Caribbean e Costa Crociere.

La nuova opera, inaugurata ieri e terminata in tempi record, riuscirà a servire 4.500 passeggeri e 9 mila bagagli nello stesso tempo, e potrà ospitare fino a due grandi navi da crociera in contemporanea, al pari di un piccolo aeroporto.

Al piano primo sono state inserite ben 60 postazioni per il check-in, bar, un ristorante, una sala vip ed una sala d’attesa con numerosi posti a sedere.

Le previsioni stimano un aumento di 250mila passeggeri croceristi in più a fine anno, per un traffico che si attesta sui circa 2 milioni e mezzo di persone complessive.

Numeri straordinari, in grado di imprimere una decisiva accelerazione a tutto l’indotto sia del territorio locale che della vicina Tuscia.

L’obiettivo condiviso da più realtà, come sostenuto anche da Fabio Belli, delegato Ance (Associazione nazionale costruttori edili) è quello di uno sviluppo progressivo e di una costante crescita della vocazione turistica a livello internazionale, uno dei traini più significativi dell’economia in molteplici settori.

Meno fondi all’agricoltura italiana

Meno fondi all’agricoltura italiana, ennesimo scempio dell’Unione Europea

Oggi più che mai, alla vigilia del Consiglio Europeo di giugno, in cui si dibatteranno temi di fondamentale importanza come l’approvazione del prossimo bilancio settennale (2021-2027) dell’Unione, l’Italia ha bisogno di essere guidata e rappresentata da un governo.

L’urgenza nasce dal fatto che, in seguito all’uscita del Regno Unito dall’Unione, si perderanno 12-14 miliardi di euro.

Questo può causare delle contrazioni dei fondi per investimenti destinati alle Politiche Agricole, con tagli stimati intorno al 5%.

Si tratta di un’operazione che andrebbe a danneggiare in particolar modo i territori, come la Tuscia, vocati all’agricoltura e alle produzioni locali.

L’azione di un Governo di centrodestra, in questo quadro, servirebbe a recuperare intanto l’autorevolezza persa dall’Italia in questi anni di politica estera del centrosinistra.

Bruxelles ha continuato senza sosta a minare gli interessi italiani distraendo fondi a favore dell’accoglienza dei migranti.

Fratelli d’Italia si oppone fermamente a questo scempio ed è pronta a dare battaglia per impedire l’ennesima offesa.

Primo Maggio – Serve un governo per il lavoro

Un governo anche per questo 1 Maggio.

Per snellire la burocrazia aziendale abbassando il costo del lavoro, l’Italia ha il record del cuneo fiscale tra i paesi Ocse.

Per sostenere le imprese con riforme strutturali affinché creino nuova occupazione.

Per rivedere i rapporti con l’Europa che danneggia le nostre aziende, imponendo un sistema di credito con regole non adatte al tessuto produttivo italiano formato da piccole e medie imprese.

Festeggiare il 1 maggio limitandosi alla speranza del reddito/mancetta, senza svolgere alcun lavoro sarà inutile, offensivo oltre che completamente inefficace

#1maggio2018

Un nuovo nome per raccontare Viterbo nel mondo

Il semplice nome di una località, di una città, spesso risulta insufficiente per guadagnarsi un posto nella memoria di ogni singolo turista o nell’immaginario collettivo del grande pubblico.

Disegnare un’identità, per rendere la località immediatamente identificabile e distinguibile dalla miriade di altre destinazioni possibili diventa indispensabile.

Serve un LOGO, un’immagine o simbolo rappresentativo, ed un PAYOFF, una frase molto breve composta anche da una sola parola, il cui senso racchiude l’identità della destinazione.

La creazione del PAYOFF è impresa ardua, soprattutto se non si vuole essere banali.

L’individuazione di un concetto memorabile, stimolante non è affatto semplice.

L’esempio di Civita di Bagnoregio “La Città che muore” lo testimonia a pieno.

Quale PAYOFF vi piacerebbe associare alla Tuscia?

E Viterbo vi piace raccontata come ”la Città dei Papi” o preferireste altro?

I lidi restino in mano italiana. Bolkestein

“Le concessioni balneari sono beni e non servizi”.

A pronunciare queste parole è Frederik Frits Bolkestein, economista olandese creatore della direttiva sulla libera circolazione dei servizi nell’Unione Europea.

Bolkestein è intervenuto ad un convegno organizzato mercoledì a Roma dall’associazione Donnedamare, e che ha visto la partecipazione di vari esponenti del centro-destra, tra cui Giorgia Meloni.

I partiti del centrodestra, da sempre contrari all’applicazione della direttiva agli operatori del settore balneare, nel corso della passata legislatura hanno promosso numerose iniziative parlamentari in loro favore opponendosi all’interpretazione data alla normativa dal centrosinistra che, con il suo operato, ha messo a rischio più di 30.000 attività, spesso a conduzione familiare.

Nella Provincia di Viterbo, la distorta interpretazione della Direttiva Bolkestein colpisce le numerose imprese del settore presenti a Tarquinia, Montalto di Castro e sui laghi di Vico e di Bolsena, arrecando ingenti danni all’economia locale.

L’interesse nazionale venga tutelato: i lidi restino in mano italiana.

WhatsApp chat